Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Mario Brunello in concerto a Granada: “Cantar y tañer”

Mario Brunello
Mario Brunello

L’Istituto Italiano di Cultura di Madrid collabora con il 73º Festival de Música de Granada nella presentazione dello straordinario concerto del Maestro Mario Brunello, domenica 30 giugno alle ore 12:30, presso il Crucero del Hospital Real (Granada).

Per questa occasione, Brunello si avvicina a uno dei cicli più imponenti della letteratura per strumento solo della storia –  le sonate e le partite per violino solo di Bach -, ma lo fa con uno strumento inaspettato: il violoncello piccolo. Si tratta di un violoncello leggermente più piccolo di quello convenzionale, in questo caso a quattro corde come il fratello maggiore. Sebbene non ne sia rimasta molta iconografia, sappiamo che l’ottavino fu utilizzato nei primi decenni del XVIII secolo: a metà degli anni ’20 Bach lo utilizzò come accompagnatore in alcune cantate e gli affidò la sesta delle sue sei suite scritte per violoncello solo. Poiché Brunello ha lasciato la Partita n. 2 alla fine, la sua immortale ciaccona può essere ascoltata come pezzo di chiusura del concerto in un timbro insolito.

 

PROGRAMMA:

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Sonata nº 1 in sol minore per violino solo, BWV 1001 (1720)
Partita nº 1 in si minore per violino solo, BWV 1002 (1720)
Partita nº 2 in re minore per violino solo, BWV 1004 (1720)

 

Il celebre violoncellista italiano Mario Brunello (Cividale del Friuli), apprezzato per la tecnica impeccabile e la profonda interpretazione musicale, ha un repertorio molto vasto che spazia dalla musica barocca e Bach, alla musica contemporanea, con incursioni anche nel nel jazz. Ha iniziato a suonare il violoncello all’età di sei anni, dimostrando da subito un talento straordinario e ha studiato al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia con il maestro Antonio Janigro. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti internazionali fin da giovane: nel 1986 è stato il primo artista italiano a vincere il Concorso Čajkovskij di Mosca.
Brunello, oltre alla sua brillante carriera internazionale come solista, è un appassionato musicista da camera e si impegna attivamente nell’ambito dell’educazione musicale, tenendo masterclass e seminari a livello internazionale.
Mario Brunello si è esibito nelle maggiori sale da concerto del mondo, diretto da nomi di grande prestigio quali, ad esempio, Claudio Abbado, Riccardo Muti, Zubin Mehta, Myung-Whun Chung. A ottobre 2020 è stato nominato Direttore Artistico del Festival di Stresa, succedendo a Gianandrea Noseda. È il Direttore Artistico del Festival Arte Sella e dei Suoni delle Dolomiti e fondatore e direttore dell’Orchestra d’Archi Italiana.

 

Crucero del Hospital Real
Avenida del Hospicio, 1, Albaicín, 18012 Granada
Per informazioni e biglietti: https://granadafestival.org/es/evento/mario-brunello