Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

La fine di un’epoca: immagini e parole dell’Italia in sospeso tra libertà e guerra.

Marco Antonio Bazzocchi, specialista di Pascoli e Pasolini, e Federica G. Pedriali, una delle più importanti studiose di Carlo Emilio Gadda ci illustreranno il periodo della storia della cultura italiana che va dalla belle époque degli inzi del XX secolo al primo conflitto mondiale. Verrà analizzato lo sviluppo del concetto di “liberty”, non solo in relazione con le arti visive ma anche letterariamente, scoprendone la sua ambigua duplice natura: liberty come massima espressione di un’epoca di “fiducia” della fine del XIX secolo, che continua ad influenzare il primo Novecento, e liberty come prima inquietudine dinanzi ad un futuro incerto. Liberty come stile rotto, in cui i figli della guerra moralmente e politicamente non si possono più riconoscere e liberty come segno essenziale per comprendere la vera portata della nuova ricerca estetica, letteraria e artistica esemplificata dal Giornale di guerra e prigionia di Carlo Emilio Gadda.