Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

18ª Giornata del Contemporaneo | IN-FINITO

18ª Giornata del Contemporaneo | IN-FINITO
18ª Giornata del Contemporaneo | IN-FINITO

In occasione della 18ª Giornata del Contemporaneo, dedicata quest’anno all’ecologia e sostenibilità, l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid presenta IN-FINITO. La mostra, realizzata in collaborazione con Recontemporary, prima istituzione in Italia dedicata alla video arte e ai new media, vuole mettere in risalto il rapporto complesso che lega l’umanità e la natura grazie al lavoro di tre artisti italiani: Elena Bellantoni, Fabio Perino ed Eleonora Roaro.

Tre artisti. Tre punti di vista differenti. L’acqua come denominatore comune: luogo in cui avviene il confronto fra l’umanità e le proprie azioni. Il mare, da sempre simbolo di cambiamento, materia plasmante che crea e distrugge, diventa qui il mezzo per la diffusione di un messaggio più ampio, ambasciatore di denuncia e volontà di cambiamento.

Elena Bellantoni utilizza le acque di Tricase (Puglia) come una tela limpida, uno spazio su cui comporre una messaggio. “Corpo Morto” è un atto performativo, un riferimento all’imminente innalzamento dei mari e ai corpi persi: acqua che accoglie e sommerge. La stessa natura che diventa creazione dell’umanità nelle opere “Filling the Sea” e “Empting the Sea” di Fabio Perino. Le opere vedono l’artista intento nell’azione di riempire e svuotare il mare, gesto insensato e surreale che rappresentata l’incoerenza che lega gli esseri umani. L’onnipotenza, l’egoismo e la miopia, caratteristiche tipiche della società attuale, vengono messe in contrapposizione con l’innata predisposizione dell’uomo al volersi migliorare: l’equilibrio precario in cui è costretta a vivere la società. Il Grande Lago Salato dello Utah, immortalato nell’opera “Vanishing Point” di Eleonora Roero rappresenta una delle conseguenze estreme dell’umanità: la desertificazione. L’acqua che lentamente lascia spazio alla sabbia, il rosa artificiale del paesaggio causato dalle industrie, l’artista che cammina scandendo non solo il ritmo del tempo ma anche del processo in corso: la natura che persiste incessantemente nel suo corso.

Una selezione volta a far riflettere sulla attualità delle problematiche ma anche sulla persistenza della natura.

La Giornata del Contemporaneo è promossa da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani con il sostegno del Ministero della Cultura (Direzione Generale Creatività Contemporanea) ed è realizzata all’estero grazie alla collaborazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale).

Orari di apertura al pubblico:

8-15 ottobre

Calle Mayor, 86 – 28013 Madrid

Lunedì-venerdì dalle 12.00 alle 20.00

Sabato dalle ore 12.00 alle 19.00

Ingresso gratuito

  • Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura di Madrid
  • In collaborazione con: Recontemporary